Progetti Regionali/Locali

Descrizione dei Progetti Regionali/Locali

I progetti integrati sono un insieme di azioni che attraversano diversi settori, ma puntano a un obiettivo comune di sviluppo del territorio e necessitano di un approccio attuativo unitario e coerente. Attraverso i progetti integrati di sviluppo regionale si vuole sostenere la competitività e l'attrattività di regioni e province a livello nazionale ed europeo. I progetti devono pertanto essere finalizzati al conseguimento di obiettivi considerati strategici per l'intero territorio regionale o provinciale ed essere coerenti con gli elementi principali indicati a livello comunitario. I progetti integrati devono inserirsi all'interno della strategia regionale, delle linee di intervento settoriali e di filiera e dei metodi operativi di concertazione e collaborazione pubblico-privato, previsti dai programmi operativi. Hanno una duplice finalità:
  • assicurare un adeguato riconoscimento agli interventi che si basano su un'idea guida esplicitata e condivisa
  • elaborare un sistema di attuazione unitario, organico e integrato, in grado di semplificare la gestione e consentire il raggiungimento degli obiettivi nei tempi previsti
I concetti centrali dei progetti regionali/locali sono:
  • l'integrazione progettuale, caratteristica di tutta l'attività cofinanziata dai fondi strutturali
  • il riferimento territoriale come destinatario delle azioni e contesto in cui stimolare le potenzialità latenti
I progetti integrati sono caratterizzati dai seguenti elementi:
  • definizione dell'idea-forza, della strategia di progetto e degli obiettivi
  • identificazione dell'ambito territoriale o tematico di riferimento
  • individuazione del soggetto responsabile del progetto
  • identificazione delle procedure di gestione e monitoraggio
PRISMA Controller svolge funzionalità di gestione e rendicontazione dei fondi provenienti dalle opportunità messe a disposizione attraverso i programmi comunitari (Fondo Sociale Europeo, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) o i Programmi Operativi Regionali (POR). Struttura, gestisce, pianifica e rendiconta progetti per favorire la massima allocazione dei finanziamenti da parte degli enti beneficiari.

La PluriUguaglianza

La PluriUguaglianza

l rendiconto delle spese deve avere quale prima caratteristica l’uguaglianza numerica con il preventivo approvato, ma al suo interno dovrà essere rilevabile quanto visibile, nell’ordine, l’uguaglianza con gli incarichi, con l’attività svolta, con i costi rilevati e con i relativi pagamenti. Da un diverso punto di vista si dovrà trovare coerenza verso i Regolamenti vigenti, Comunitari Nazionali e Regionali e con leggi fiscali e del lavoro. Questi richiamano, da una parte ad un controllo elementare circa l’ammissibilità del costo, dall’altra ad una struttura di rilevazione delle spese analitica e riconducibile alle contabilità generali obbligatorie degli assegnatari dei finanziamenti. Al fine di semplificare la gestione amministrativa, che dovrà portare l’attività finanziata al rendiconto dei costi e delle spese, sarà utile dividere il complesso amministrativo fino all’unità di misura. Questa operazione di scomposizione aritmetica consentirà di vedere il problema alla sua origine e di poter intervenire al livello più basso possibile, ovvero ragionare sempre su quantità unitarie. In altre parole, ed ovviamente, è meglio affrontare una o più piccole questioni che non un grande problema che a volte può essere, o meglio apparire, insuperabile. Il primo intervento, quindi, che il sistema informativo risolve, è suddividere le iniziative nei due macro elementi di cui sono naturalmente composte le spese:
  • Ambientale
  • Economico
Ambientale significa contabilizzare, per mettere sotto controllo, i fatti che avvengono nell’”Ambiente attività”: i ricercatori, gli assistenti, i tecnici, gli amministrativi con le rilevazioni delle presenze, tramite (Diari di Bordo e/o Timesheet) e con i loro incarichi e i propri curricula. Ogni figura, o ogni fatto che ruota intorno e dentro l’azione dovrà essere contabilizzato e successivamente monitorato, almeno per due motivi:
  • si deve trovare corrispondenza tra gli adempimenti contrattuali ed il prodotto realizzato
  • ogni azione precipita in un fattore Economico e quindi si ha l’esigenza di costruire anche un sistema contabile di controllo dei fatti e delle azioni.
Entrambi questi “elementi”, sono “elementi” di verifica rendicontativa, ciò significa che, se durante l’azione si sono correttamente contabilizzati i fatti ed effettuati i controlli necessari, si arriverà alla verifica ed alla richiesta del finanziamento, sia esso parziale o a saldo, con ottime probabilità di successo. Sarà importante esclusivamente considerare la profonda importanza di una Contabilità di Progetto (vedi regolamenti CE) al fine di rendere leggibili movimenti, scritture, pagamenti e quant’altro suddiviso per ogni singola azione/attività/voce di spesa. La contabilità di progetto dovrà, inoltre, essere strutturata con elementi di contabilità “industriale” e di controllo di gestione al fine di eseguire periodici controlli sull’andamento e sugli scostamenti. Il controllo, anche e soprattutto in itinere è determinante in quanto la gestione degli scostamenti può essere o diventare un fattore critico. E’ palese, dunque, la necessità [l’obbligo] di un impianto contabile che pianifichi risorse economiche e finanziare e ne controlli, in progress, gli allineamenti. Il Sistema Informativo si basa su un data base relazionale complesso che rende possibile la lettura degli elementi contabilizzati [ambientali ed economici] ad ogni livello di interesse:
  • Per Ente Gestore
  • Per Progetto
  • Per singola iniziativa progettuale
  • Per partner di progetto
  • Per zona geografica
  • Per fasi temporali
Il sistema è strutturato con Piani dei Conti personalizzabili a singolo progetto, ovvero il Piano dei Conti corrisponderà sempre al formulario relativo al preventivo approvato. Il PdC è suddivisibile per Macro Categorie di spesa. All’interno di ogni Macro Categoria si avrà rilevanza di ogni singola voce di spesa. Per ogni singola voce di spesa si dovrà contabilizzare, e quindi si evidenzierà, ogni fornitore/collaboratore ulteriormente suddiviso e leggibile:
  • orizzontalmente per:
    • Impegno – Contratto – Incarico
    • Quantità di attività realizzata
    • Costo unitario
  • verticalmente per
    • Singola fattura o documento equipollente
    • Singolo pagamento con gli estremi del titolo e la relativa data
Il sistema ha, inoltre, un modulo di pianificazione, contabilità e controllo delle Risorse Umane “interne”, e un sistema di ribaltamento “industriale” delle spese generali. Ciò per consentire sia la pianificazione degli impegni, sia per evitare il rischio di sovra-rendicontazione delle ore lavorabili dei dipendenti e delle spese indirette. Tutte le informazioni contabilizzate nel sistema determinano la costruzione di archivi, ciò consente la leggibilità strutturata di qualunque informazione richiesta. Il Sistema produce, quindi, un’ampia ed esaustiva reportistica sia puramente contabile sia più squisitamente rendicontativa:
  • Anagrafiche degli enti gestori
  • Anagrafiche dei progetti
  • Suddivisione per tipo di attività
  • Elenco Collaboratori (ricercatori, assistenti, tecnici…)
  • Elenco di altri fornitori
  • Riepilogo in forma di Estratto Conto di presenza e costo di ogni collaboratore attivo
  • Elenco con le quantità degli incarichi per tipologie e per costi
  • Elenco delle attività svolte per singolo tipo e per singolo collaboratore
  • Elenco dei dipendenti con leggibilità degli impegni anche su altre attività finalizzato alla verifica della saturazione delle ore lavorabili giornaliere, mensili annuali
Una reportistica "Economica":
  • Piano dei conti
  • Piano delle tipologie
  • Piano dei centri di costo
  • Parametri fiscali (aliquote IRAP, contributive, Pro-rata IVA ecc…)
Una reportistica di controllo “Ambientale ed Economica” ugualmente aggregabile comparando al progetto esecutivo, in maniera sintetica lo stato d’avanzamento fisico e finanziario del progetto alla data stabilita:
  • Stato d’avanzamento
  • Report Direzionale
  • Leggibilità di sintesi per macro categoria e per voce di spesa degli scostamenti tra Budget – Impegni – Contabilizzato
  • Report di Controllo
  • Leggibilità di dettaglio per macro categoria, per voce di spesa e per fornitore
  • Per incarico, per attività realizzata, per contabilizzato e per pagato
  • Report di Rendicontazione
  • Leggibilità di dettaglio per macro categoria, per voce di spesa, per fornitore, per singolo documento contabile e per singolo pagamento, con il dettaglio degli elementi fiscali contabilizzati
L’aver concepito il Sistema Informativo Prisma modularmente, avendo nel contempo previsto una profonda analiticità anagrafica, consente di poter operare su qualunque tipologia di programma, sia esso finanziato o no, sia esso a contabilità tradizionale FSE come a Full Cost oppure ad Additional Cost. Tutte le specifiche contabili e fiscali sono parametrate, consentendo anche in questo caso di intervenire con assoluta rapidità e semplicità a fronte di qualsiasi variazione ad esempio:
  • % di finanziamento
  • % fiscali e contributive
  • Variazioni contrattuali del lavoro (dipendenti - CoCoPro)
Inoltre tutte le specifiche contabili possono essere rilevate dal sistema di contabile/amministrativo dell’ente ad esempio:
  • Piano dei conti
  • Anagrafiche dipendenti e collaboratori
  • Contratti di lavoro

Progetto Europeo SEE

Progetto Europeo SEE

Il programma viene istituito nel nuovo periodo di programmazione dei Fondi Strutturali 2007-2013. Nasce dalla scissione del programma di cooperazione transnazionale Interreg IIIB CADSES che viene suddiviso in due sezioni:
  • South East Europe (SEE)
  • Central Europe Programme (CENTRAL)
SEE sostiene progetti sviluppati in quattro assi prioritari: innovazione, ambiente, accessibilità e aree di crescita sostenibile - in linea con le priorità di Lisbona e di Göteborg, contribuendo allo stesso tempo al processo di integrazione degli Stati membri non-UE. Obiettivo del programma SEE è quello di rafforzare la coesione territoriale all’interno dell’Unione favorendo l’integrazione ed uno sviluppo territoriale equilibrato dell’area di cooperazione. E’ l’unico programma di cooperazione transnazionale che vede un’ampia partecipazione di Paesi non membri (candidati, potenziali candidati e Paesi terzi). Link utili: Sito ufficiale del programma: http://www.southeast-europe.net/hu/ Contact Point Italia: http://www.programmasee.it/sezioni/index2.asp La Regione Emilia-Romagna presiede il Comitato Nazionale di Coordinamento del Programma e, attraverso la sua Agenzia di Sviluppo ERVET Emilia-Romagna Valorizzazione Economica Territorio, è il Punto di Contatto Nazionale (Contact Point Italia).
  • si deve trovare corrispondenza tra gli adempimenti contrattuali ed il prodotto realizzato
  • ogni azione precipita in un fattore Economico e quindi si ha l’esigenza di costruire anche un sistema contabile di controllo dei fatti e delle azioni.
Entrambi questi “elementi”, sono “elementi” di verifica rendicontativa, ciò significa che, se durante l’azione si sono correttamente contabilizzati i fatti ed effettuati i controlli necessari, si arriverà alla verifica ed alla richiesta del finanziamento, sia esso parziale o a saldo, con ottime probabilità di successo. Sarà importante esclusivamente considerare la profonda importanza di una Contabilità di Progetto (vedi regolamenti CE) al fine di rendere leggibili movimenti, scritture, pagamenti e quant’altro suddiviso per ogni singola azione/attività/voce di spesa. La contabilità di progetto dovrà, inoltre, essere strutturata con elementi di contabilità “industriale” e di controllo di gestione al fine di eseguire periodici controlli sull’andamento e sugli scostamenti. Il controllo, anche e soprattutto in itinere è determinante in quanto la gestione degli scostamenti può essere o diventare un fattore critico. E’ palese, dunque, la necessità [l’obbligo] di un impianto contabile che pianifichi risorse economiche e finanziare e ne controlli, in progress, gli allineamenti. Il Sistema Informativo si basa su un data base relazionale complesso che rende possibile la lettura degli elementi contabilizzati [ambientali ed economici] ad ogni livello di interesse:
  • Per Ente Gestore
  • Per Progetto
  • Per singola iniziativa progettuale
  • Per partner di progetto
  • Per zona geografica
  • Per fasi temporali
Il sistema è strutturato con Piani dei Conti personalizzabili a singolo progetto, ovvero il Piano dei Conti corrisponderà sempre al formulario relativo al preventivo approvato. Il PdC è suddivisibile per Macro Categorie di spesa. All’interno di ogni Macro Categoria si avrà rilevanza di ogni singola voce di spesa. Per ogni singola voce di spesa si dovrà contabilizzare, e quindi si evidenzierà, ogni fornitore/collaboratore ulteriormente suddiviso e leggibile:
  • orizzontalmente per:
    • Impegno – Contratto – Incarico
    • Quantità di attività realizzata
    • Costo unitario
  • verticalmente per
    • Singola fattura o documento equipollente
    • Singolo pagamento con gli estremi del titolo e la relativa data
Il sistema ha, inoltre, un modulo di pianificazione, contabilità e controllo delle Risorse Umane “interne”, e un sistema di ribaltamento “industriale” delle spese generali. Ciò per consentire sia la pianificazione degli impegni, sia per evitare il rischio di sovra-rendicontazione delle ore lavorabili dei dipendenti e delle spese indirette. Tutte le informazioni contabilizzate nel sistema determinano la costruzione di archivi, ciò consente la leggibilità strutturata di qualunque informazione richiesta. Il Sistema produce, quindi, un’ampia ed esaustiva reportistica sia puramente contabile sia più squisitamente rendicontativa:
  • assicurare un adeguato riconoscimento agli interventi che si basano su un'idea guida esplicitata e condivisa
  • elaborare un sistema di attuazione unitario, organico e integrato, in grado di semplificare la gestione e consentire il raggiungimento degli obiettivi nei tempi previsti
I concetti centrali dei progetti regionali/locali sono:
  • integrazione progettuale, caratteristica di tutta l'attività cofinanziata dai fondi strutturali
  • il riferimento territoriale come destinatario delle azioni e contesto in cui stimolare le potenzialità latenti
I progetti integrati sono caratterizzati dai seguenti elementi:
  • definizione dell'idea-forza, della strategia di progetto e degli obiettivi
  • identificazione dell'ambito territoriale o tematico di riferimento
  • individuazione del soggetto responsabile del progetto
  • identificazione delle procedure di gestione e monitoraggio
PRISMA Controller svolge funzionalità di gestione e rendicontazione dei fondi provenienti dalle opportunità messe a disposizione attraverso i programmi comunitari (Fondo Sociale Europeo, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) o i Programmi Operativi Regionali (POR). Struttura, gestisce, pianifica e rendiconta progetti per favorire la massima allocazione dei finanziamenti da parte degli enti beneficiari. Ultimo

Progetto Europeo LIFE+

Progetto Europeo LIFE+

Il programma LIFE è lo strumento di finanziamento dell'Unione Europea per l'ambiente. L'obiettivo generale di LIFE è contribuire all'attuazione, all'aggiornamento e allo sviluppo della politica ambientale comunitaria e la normativa tramite il co-finanziamento di progetti pilota o dimostrativi con valore Europeo aggiunto.

LIFE è iniziato nel 1992 e ad oggi ci sono state tre fasi complete del programma (LIFE I: 1992-1995, LIFE II: 1996-1999 e LIFE III: 2000-2006). Durante questo periodo, LIFE ha cofinanziato circa 3.104 progetti in tutta l'UE, contribuendo con circa € 2,2 miliardi alla tutela dell'ambiente.

LIFE + (2007 – 2013)

La fase attuale del programma, LIFE +, va dal 2007-2013 e ha un bilancio di 2143 miliardi €. La base giuridica per LIFE + è il regolamento (CE) n. 614/2007. LIFE + copre sia i costi operativi della DG Ambiente che il cofinanziamento dei progetti. Ai sensi dell'articolo 6 del regolamento LIFE +, almeno il 78% delle risorse di bilancio di LIFE + deve essere usato per sovvenzioni di azioni per progetti (ad esempio i progetti LIFE +).
Nel periodo 2007-2013, la Commissione Europea lancerà un invito a presentare proposte di progetti LIFE + per anno. Le proposte devono essere ammissibili nell'ambito di uno dei tre componenti del programma: LIFE + Natura e Biodiversità, LIFE + Politiche ambientali e Governance e LIFE + Informazione e Comunicazione.

LIFE + Natura e biodiversità

La componente "Natura e biodiversità prosegue e amplia il precedente programma LIFE-Natura. Stanzierà in cofinanziamento le migliori pratiche o progetti dimostrativi che contribuiscono all'attuazione delle direttive della rete Natura 2000. Almeno 50% del bilancio di LIFE + per i progetti di co-finanziamento deve essere dedicato a LIFE + Natura e biodiversità.

LIFE + Politica ambientale & Governance

La componente “Politiche Ambientali e Governance” prosegue e amplia il precedente programma LIFE Ambiente. Sarà a co-finanziare progetti innovativi o pilota che contribuiscono all'attuazione della politica ambientale europea e lo sviluppo di idee politiche innovative, tecnologie, metodi e strumenti.

LIFE + Informazione e comunicazione

Questo nuovo componente cofinanzierà progetti relativi a campagne di comunicazione e sensibilizzazione in materia di ambiente, protezione della natura o problemi di conservazione della biodiversità, così come i progetti relativi alla prevenzione degli incendi forestali (sensibilizzazione, formazione specifica).

Criteri di ammissibilità

I progetti finanziati da LIFE + devono soddisfare i seguenti criteri:

  • I progetti devono essere di interesse comunitario, apportando un contributo significativo al conseguimento dell'obiettivo generale di LIFE +;
  • devono essere tecnicamente e finanziariamente coerenti e fattibili e fornire un valore per il denaro;
  • ove possibile, i progetti finanziati da LIFE + dovrebbero promuovere sinergie tra diverse priorità nell'ambito del sesto programma di azione ambientale e l'integrazione.

LIFE + è aperto a enti pubblici o privati, soggetti o istituzioni con sedi nell'Unione Europea. Le proposte di progetto possono essere presentate da un singolo beneficiario o da un partenariato che include un coordinatore e di uno o più beneficiari associati. Essi possono essere nazionali o transnazionali, ma le azioni devono svolgersi esclusivamente all'interno del territorio dei 27 Stati membri dell'Unione Europea.

Presentazione di una proposta

A seguito dell'invito annuale a presentare proposte, i candidati al programma devono presentare le loro proposte alla competente autorità nazionale dello Stato membro in cui è registrato il beneficiario incaricato del coordinamento. Gli Stati membri trasmettono le proposte di progetto alla Commissione in base alle priorità nazionali. La Commissione potrebbe elaborare osservazioni sulle proposte per garantire una ripartizione geografica dei progetti coerente con la localizzazione dei siti Natura 2000 e la distribuzione della popolazione. Le proposte inviate direttamente dai candidati alla Commissione, non saranno accettate.

Le linee guida per i candidati sono pubblicate annualmente con l'invito a presentare proposte. La Commissione europea organizza anche seminari di informazione per potenziali LIFE + richiedenti in ogni Stato membro dell'UE, fornendo preziosi consigli e indicazioni su ciò che le autorità nazionali e la Commissione si aspettano come proposte di progetto.

Il comitato LIFE + è composto da rappresentanti dei 27 Stati membri ed è presieduto dalla Commissione. Se questo Comitato esprima parere favorevole, ed entro i limiti dei fondi disponibili, la Commissione deciderà poi su un elenco di progetti da cofinanziare. Dopo l'approvazione del Parlamento Europeo, le singole convenzioni di sovvenzione vengono inviate a ciascun coordinatore beneficiario per la firma.

Co-finanziamento nell’ambito di LIFE +

Il tasso massimo di cofinanziamento comunitario per i progetti LIFE + è il 50% dei costi totali ammissibili del progetto. In via eccezionale, un tasso di cofinanziamento fino al 75% del totale dei costi ammissibili può essere concesso a proposte LIFE + Natura che si focalizzano su azioni concrete di conservazione per specie o habitat prioritarie delle Direttive Habitat e Uccelli.

Ulteriori informazioni

Il testo integrale del regolamento LIFE + e informazioni per ogni componente LIFE + - come presentare le domande di finanziamento, i criteri di selezione dei progetti e moduli di domanda - si possono trovare nella sezione finanziamento del sito web di LIFE: http://ec.europa.eu/environment/life/.

TimeSheet

  • TIMESHEET

    Monitorare giorno per giorno l'impegno delle risorse

  1. 1

TIMESHEET

Il modulo che consente di segnalare e monitorare giorno per giorno l’impegno delle singole risorse (umane o macchine) su di un particolare progetto/commessa. Può essere applicato all'utilizzo di risorse materiali come la sala riunioni o le auto aziendali ma anche per monitorare giorno per giorno l’impegno di risorse umane su un progetto.

Richiedi Informazioni

OTTIMIZZA I TUOI PROCESSI

Il sistema permette un controllo puntuale delle risorse e la loro ottimizzazione automatizzando tutti i processi di raccolta dati e producendo reports in tempo reale. Time manager consente un controllo puntuale delle risorse e la loro ottimizzazione automatizzando tutti i processi di raccolta dati e producendo reports in tempo reale.

Richiedi Informazioni

Overview

Time manager consente un controllo puntuale delle risorse e la loro ottimizzazione automatizzando tutti i processi di raccolta dati e producendo reports in tempo reale.
I dati inseriti in time manager possono essere esportati per generare grafici e statistiche, e possono inoltre generare stampe su specifici template.
In fase di configurazione Prisma consente di generare viste per monitorare specifici incroci di dati per esempio impiego di risorse per tempo, per progetto, etc.
L’accesso al sistema viene effettuato tramite la nuovissima interfaccia Dashboard. Ogni singola risorsa assegnata ai progetti avrà un proprio account per collegarsi al cruscotto Prisma Controller con una visibilità personalizzata:
Al momento del log in all’interno del sistema si aprirà dunque il proprio timesheet con la possibilità di inserire in piena autonomia le ore realizzate, differenziate sui vari incarichi assegnati ai progetti.
Tramite questo tipo di interfaccia, l’attribuzione dei tempi di lavoro (ore effettive/consuntivo) può essere effettuata associando ciascun dipendente a commesse, incarichi, centri di costo, work packages, ecc... sia giornalmente che per lunghi periodi di tempo.

In Breve

Le ore assegnate possono essere confrontate con le ore di "presenza" calcolate dal modulo Timbrature e determinare le eventuali ore "non produttive" di ciascun dipendente oppure le ore non rendicontabili.

Su ogni cella, corrispondente alle ore lavorate per una certa assegnazione di un dato progettò, la persona potrà specificare ulteriormente i dettagli del lavoro svolto

GeDoc e Protocollo

  • PRISMA GeDOC

    Gestione Documentale e Protocollo
      Richiedi Informazioni
  1. 1
     

Gestione Documentale e Protocollo

PRISMA GeDoc rappresenta la soluzione per la completa gestione e condivisione di tutti gli aspetti documentali ed organizzativi: riunisce, in un'unica applicazione ed in un unico sistema di archiviazione, tutte le informazioni che un'azienda intende condividere con i propri collaboratori; facilita la raccolta, la catalogazione e il reperimento dei documenti diminuendo drasticamente il flusso cartaceo aziendale. È quindi possibile archiviare il documento, protocollarlo, classificarlo. PRISMA GeDoc costituisce un’opportunità per razionalizzare flussi documentali, ridurre la movimentazione cartacea, elevare il livello di distribuzione delle informazioni e favorire i requisiti di trasparenza sia all’interno, sia verso l’esterno, dell’azienda.

Funzionalità principali della Gestione Documentale

  • Campi configurabili sul documento per una più rapida identificazione e classificazione.
  • Categorizzazione del documento attraverso gerarchie di attributi definibili dall'utente.
  • Versioning dei documenti inseriti e recupero delle versioni precedenti.
  • Archiviazione dei documenti su Database per garantirne una maggior protezione e sicurezza.
  • Organizzazione dei documenti in un filesystem virtuale basato su Database (PRISMA Virtual FS).
  • Motore di ricerca avanzato per l'individuazione del documento attraverso:
  • Keyword presenti nel contenuto
  • Campi di classificazione
  • Attributi di categorizzazione
  • Catalogazione su PRISMA Virtual FS
  • Hashing dei documenti caricati per prevenire l'inserimento di duplicati.
  • Possibilità di allegare documenti ad entità Prisma tramite drag & drop.
  • La Gestione Elettronica Documentale attraverso Prisma.doc permette:
  • riduzione volumetrica degli archivi fisici e snellimento burocratico;
  • facilità e rapidità di ricerca e consultazione di documenti contenuti in "fascicoli elettronici" (accesso tempestivo ai dati);
  • ottimizzazione dei processi amministrativi e di business;
  • descrizione formalmente completa della struttura dell'azienda attraverso una definizione dei profili organizzativi delle persone, dei gruppi di lavoro, delle unità e sedi periferiche tenendo conto delle dipendenze gerarchiche e delle responsabilità;
  • maggior controllo;
  • velocità di immissione nel sistema della documentazione aziendale;
  • garanzia di conservazione a scopi legali;
  • risparmio di tempo e denaro nel reperimento delle informazioni primarie;
  • correlazioni complesse fra documenti eterogenei e di origine eterogenea attraverso collegamenti virtuali e multi-archiviazione (archiviazione secondo molti canoni/categorizzazioni).

Protocollo Informatico

Il modulo Protocollo informatico è pensato per le aziende pubbliche e private che desiderano adottare un software di protocollo informatico per la segnatura univoca dei documenti in entrata e in uscita. La Protocollazione di un documento ne determina il suo stato “congelato” e quindi non più modificabile. L'applicativo razionalizza i processi amministrativi, agevola e semplifica la ricerca e la disponibilità delle informazioni, fornisce sicurezza e certificazione più forte alla documentazione in entrata e in uscita.